USL – Ma chi l’ha progettato: Paperino?

Una struttura con un ingresso ridicolo ed un parcheggio minuscolo.

Ci sono voluti anni perché Cepagatti avesse finalmente una nuova sede per il distretto sanitario e sinceramente mi meraviglio che nessuno abbia mai fatto pubbliche obbiezioni su alcuni aspetti logistici della struttura e più precisamente per l’ingresso ed il parcheggio.

Considerando che questa struttura è stata costruita nel mezzo del nulla, vi erano tutti i presupposti per creare un ingresso ed un parcheggio “degni” di una struttura importante come lo è un distretto sanitario ed invece….

Ingresso USL Cepagatti

Sembra impossibile, e nonostante sia sotto gli occhi di tutti, ancora stento a credere che qualcuno possa aver progettato un accesso così ridicolo, stretto e scomodo come quello realizzato. Con tutto lo spazio a disposizione e le possibilità è semplicemente assurdo aver previsto un accesso lungo il quale può circolare una macchina per volta.

La situazione è resa ancora più complicata dalla conformazione interna del parcheggio che purtroppo non è circolare, come ci si potrebbe attendere e logica vorrebbe, con tutto quello spazio a disposizione.

Chi ha progettato la struttura ha ben pensato di realizzare solamente 28 posti auto di cui uno per disabili e lasciare un enorme area inutilizzata. Ovviamente la logica avrebbe voluto che strada e parcheggio fossero perimetrali permettendo una più semplice circolazione dei mezzi e mettendo a disposizione dei pazienti un numero adeguato di posti auto.

Purtroppo viviamo in un paese in cui chi sbaglia, soprattutto nel pubblico, non paga mai ed un giorno, quando qualcuno aprirà gli occhi su questo scempio oppure accadrà qualche incidente per colpa di questo ingresso sciagurato si griderà alla mancanza di fondi per realizzare le modifiche. La verità invece è semplicemente che queste assurdità non dovrebbero accadere e non hanno nessuna giustificazione.

Queste cose accadono perché chi amministra e gestisce fondi pubblici lo fa con menefreghismo mentre dovrebbe gestirli come fossero i suoi, ponderando ogni spesa e facendoli rendere il più possibile.

Visite totali: 657
Visite Oggi: 6
Letture: 139292

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Il "Tema Scuro": Perché?

Sab Feb 1 , 2020
Perché il tema scuro fa risparmiare batteria...