Circolari senza senso…

Quando si inizia ad intravedere un barlume di speranza c’è sempre chi deve rovinare tutto.

È ormai quasi un mese che la maggior parte della popolazione è confinata in casa e iniziamo solamente in questi giorni ad avere i primi dati positivi sulla propagazione del contagio che, nella giornata di ieri si è attestata ad un +4% a livello nazionale, non superando l’8% in nessuna regione italiana e scendendo addirittura al 2.48% in Lombardia.

Sono certamente giorni duri per tutti, ma questa quarantena è necessaria e doverosa nei confronti di tutti coloro che per garantirci la salute ed i viveri, devono invece lavorare ed affrontare i rischi che ormai tutti conosciamo.

Abbiamo trascorso settimane a combattere contro l’improvvisa ondata di “sportivi”, causata da un buco legislativo di cui nessuno ha ben capito l’esistenza e la necessità, ma il Ministero dell’interno ha ben pensato di non dare il tempo alle statistiche di darci un barlume di speranza, per emanare ai prefetti, l’ennesima circolare priva di qualunque tipo di buonsenso.

Come riferisce l’Ansa, con una nota di ieri 31 marzo alle ore 20:18, secondo il Viminale è: “da intendersi consentito, ad un solo genitore, camminare con i propri figli minori in quanto tale attività può essere ricondotta alle attività motorie all’aperto, purché in prossimità della propria abitazione”.

Roberto Bernabei, del Comitato tecnico scientifico (Cts), ha definito questa norma come “Esercitare il diritto al sole e alla primavera“. Oltretutto, nella circolare, il Ministro ha ben pensato di ribadire che tra le attività motorie ammesse resta quella di fare jogging, aggiungendo una nota per complicare l’interpretazione della circolare stessa: “l’attività motoria generalmente consentita non va intesa come equivalente all’attività sportiva (jogging)“.

Io credo che in nessun altro paese al mondo, un Governo avrebbe ammesso l’emanazione di una simile circolare ed, essendo in Italia, è logico pensare che da questo momento, tutti utilizzeranno la scusa del “porto a camminare mio figlio perché ha diritto al sole di primavera“.

Proprio adesso che iniziamo a sentir parlare di tendenza alla diminuzione dei casi di contagi e mentre alcuni virologi non escludono che al sud la situazione possa non essere ancora così sicura, poiché il contagio è arrivato in un secondo momento, lo stesso Ministero dell’Interno confeziona una scusa su misura, per quella parte della popolazione che nei giorni scorsi non ha certo brillato per buonsenso, con chi si è beccato la denuncia perché doveva addirittura lavare l’auto!

Parte della colpa di questa circolare è sicuramente da ricercare nella comunità scientifica ed in tutta quella schiera di psicologi che, per 5 minuti di notorietà in un’intervista in TV, vedono o prevedono scenari catastrofici per i nostri ragazzi, costretti all’isolamento.

Ma quale isolamento?

Siamo realistici e pragmatici. Intanto da buoni genitori, che dialogano con i propri figli, la situazione va spiegata (andava certamente fatto 3 settimane fa) in maniera chiara, in modo che gli stessi ragazzi siano consapevoli dei rischi e responsabilizzati. Ma, soprattutto, con tutta la tecnologia ed i servizi di intrattenimento che ci sono oggi, parlare di reclusione ed isolamento mi sembra francamente assurdo.

Se una simile situazione si fosse verificata negli anni 80, avremmo avuto solo il telefono per comunicare con i nostri amici, e solo con le chiamate urbane, visto che le interurbane costavano molto di più. L’intrattenimento ludico era veramente misero se paragonato ai nostri giorni, quello video totalmente assente (solo TV) e internet non esisteva ancora. Oggi, l’aggregazione scolastica è garantita dai molti strumenti disponibili, uno su tutto Google Meet, utilizzatissimo. Tra smartphone, computer, console, social, piattaforme Video e Musicali, parlare di isolamento, per i ragazzi è veramente, fuori luogo e offensivo nei confronti di tutti coloro che l’isolamento lo vorrebbero, ma per lavoro non ne possono godere esponendosi a continui rischi.

Speriamo che per una volta il buonsenso degli italiani prevalga su una circolare assurda, ma siamo certi che, se nei prossimi giorni, noteremo un peggioramento delle statistiche, sapremo di chi è la colpa.

Letture:72
Oggi: 2
Totali: 7796

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

GLI INDISPENSABILI: Alternate File Shredder

Ven Apr 3 , 2020
Quando cancelliamo file e documenti dal nostro computer, o da qualunque dispositivo mobile, in realtà non lo eliminiamo del tutto, ed anche se apparentemente il file è andato perduto, ci sono semplici programmi, alcuni anche gratuiti, in grado di recuperarli. Ovviamente, a livello hobbistico, questo recupero dipende da una serie […]

Ti potrebbe interessare...