Il giusto Power Bank

Spesso, sul più bello restiamo senza carica al cellulare… Questo è il giusto compromesso per evitarlo.

Ad ogni nuovo modello, gli smartphone aumentano la loro efficienza energetica ma anche le prestazioni con il risultato che l’autonomia resta praticamente invariata, se non addirittura,in alcuni casi, peggiora. Anche i telefoni con batterie particolarmente capienti, se utilizzati intensamente per una intera giornata possono mostrare segni di cedimento ed abbandonarci prima del previsto.

La soluzione a questo problema si chiama power bank, in pratica una batteria portatile da collegare al nostro cellulare nel momento del bisogno. Ne esistono di varie dimensioni e capacità ed è importante trovare il giusto compromesso tra portabilità ed efficienza.

power bank in ricarica.

Dopo aver provato diversi dispositivi, vi raccomando questo power bank della Aukey dal perfetto rapporto capacità/dimensione. Ha una batteria da ben 10000 mAh (oltre il doppio di quella dei più comuni smartphone) ma con dimensioni non ingombranti ed un peso non eccessivo:

  • Capacità : 10000 mAh
  • Dimensioni : 142 x 68 x 16 mm
  • peso : 213 gr
  • Porte di ingresso : 1 micro usb
  • Porte di uscita : 2 usb A – 1 usb tipo C
  • Display lcd per la visualizzazione della carica residua ed indicazioni delle uscite o ingressi attivi.
  • Ricarica ad alta velocità con uscite da 18 W e supporto Quick Charge 3.0
ricarica di un Wiko Fiver

Questo power bank è il giusto compromesso tra energia a disposizione e portabilità. Risulta infatti più piccolo della maggior parte degli smartphone in commercio e può benissimo essere tenuto in tasca garantendo una buona riserva di energia.

Porte di uscita.

Le sue tre porte di uscita supportano lo standard Quick Charge 3.0 con ricarica massima a 18 W. Per la sua ricarica, invece, è prevista una porta micro usb laterale.

porta di ingresso

Dal lato opposto è presente un piccolo pulsante circolare che permette di attivare, quando è a riposo, il display lcd che indica lo stato della batteria interna.

pulsante per la visualizzazione dello stato della carica

Il power bank si presenta bene anche esteticamente grazie alla finitura opaca che riproduce la texture del carbonio e non trattiene particolarmente le impronte.

retro del power bank

Particolare molto importante del dispositivo in questione è il fatto che mantiene molto bene la carica senza perdite di energia a causa del fenomeno chiamato “drenaggio”. L’ho caricato e tenuto fermo per 10 giorni verificando che ha perfettamente mantenuto la carica restando al 100%.

In dotazione, oltre al manuale d’istruzioni è fornito un comodo cavetto micro usb per caricare il power bank. Per quanto riguarda il prezzo, spesso in promozione, è di 19.99 euro.

In conclusione parliamo quindi di un prodotto dalla buona capacità, dalle dimensioni e peso contenuti e dal prezzo più che ragionevole. Tutte valutazioni che rendono questo power bank un ottimo investimento e garanzia di non restare mai con lo smartphone scarico.

Troverete qui sotto il link per acquistarlo su Amazon contribuendo al sostentamento del blog.

Grazie.

Visite totali: 542
Visite Oggi: 1
Letture: 49272

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Nuova vita al vecchio PC con un semplice SSD.

Mer Ago 5 , 2020
Quanti hanno un vecchio computer con ormai qualche anno sulle spalle e sono disperati per la sua lentezza...

Ti potrebbe interessare...