Risotto ai peperoni

Una mia semplice ricetta, facile da preparare, che esalta il sapore del peperone…

Per 4 Persone:

  • 3 peperoni;
  • 280 grammi di riso carnaroli;
  • 1 cipolla;
  • aglio (1 spicchio o in polvere);
  • 250 grammi di fontina;
  • 100 grammi di margarina;
  • olio;
  • parmigiano grattugiato;
  • sale e pepe;
  • 1 dado senza glutammato.

Il tempo necessario per la realizzazione di questa ricetta è di circa 75 minuti di cui 50 di cottura.

Tagliare la cipolla e l’aglio e metterli in una pentola alta con l’olio. Fate rosolare leggermente a fuoco medio. Utilizzate una pentola dotata di coperchio.

Intanto, separatamente, mettete a bollire dell’acqua in un pentolino. Ci servirà per preparare il brodo con il dado senza glutammato.

Tagliare i peperoni a cubetti ed aggiungerli alla cipolla. Salare, pepare e lasciar cuocere a fuoco medio per una ventina di minuti avendo l’accortezza di coprire e di mescolare di tanto in tanto.

Preparate il brodo con il dado. Qualche purista della cucina storcerà il naso, ma non tutti possiamo preparare il brodo di verdure al momento, e soprattutto esistono dadi senza il famigerato glutammato.

Aggiungere il riso e lasciarlo cuocere con i peperoni, mescolando continuamente in maniera che si rosoli leggermente, per qualche minuto.

A questo punto aggiungete il brodo e lasciate cuore per una decina di minuti coperto ed a fuoco basso, avendo l’accortezza di mescolare ogni 2 o 3 minuti al massimo.

Aggiungere la fontina e la margarina tagliati a cubetti, mescolare ed aggiustare di sale e pepe. Questi due ingredienti aiuteranno a mantecare il nostro risotto che avrà così una consistenza cremosa.

Lasciare cuocere a fuoco basso, sempre coperto, per ancora 5 minuti mescolando ogni minuto.

Servire con una spolverata di parmigiano che creerà un piacevole contrasto con la dolcezza del peperone.

Buon appetito…

Sperando che questa mia ricetta sia di vostro gradimento, vi invito a provarla ed a lasciare i vostri commenti. Grazie

Letture: 20 | Today: 0 | Total: 2163

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Il falso mito del SAR.

Sab Feb 8 , 2020
Non sopportando i falsi allarmismi, mettiamo la parola fine alle innumerevoli pubblicazioni circa la pericolosità di molti smartphone per via del loro valore SAR.

Ti potrebbe interessare...